Ruth Orkin

Back

Note biografiche

Ruth Orkin nacque nel 1921 a Boston, Massachussetts. Figlia di Mary Ruby, un’attrice di film muti, e di Samuel Orkin, un produttore di barchette giocattolo, crebbe a Hollywood negli anni d’oro tra gli anni ’20 e gli anni ’30. A dieci anni ricevette in regalo la sua prima macchina fotografica, una Univex da 39 centesimi, con cui iniziò a ritrarre i suoi amici e i professori a scuola.

Quando aveva 17 anni Ruth fece un lungo viaggio in bicicletta da Los Angeles a New York per visitare l’Esposizione Universale del 1939. Portando sempre con sè la macchina fotografica, scattò fotografie a Washington, Chicago e Boston. Nel 1943 si trasferì a New York dove iniziò a lavorare per le riviste più conosciute. Da sempre appassionata di musica e cinema, fotografò molti musicisti in concerto, attori e personaggi famosi.

Nel 1951, grazie alla rivista Life, andò in Israele per seguire la filarmonica israeliana. In seguito andò a Firenze dove conobbe Nina Lee Craig, una studentessa americana di storia dell’arte che divenne la protagonista di American Girl in Italy.

La fotografa rientrò a New York ed entrò a far parte dell’associazione Photo League, dove conobbe Morris Engel, con il quale si sposò nel 1952. Insieme realizzarono due lungometraggi, tra cui il classico Little Fugitive.

Nel 1959 nacque il suo primo figlio, Andy, e nel 1961 la sua seconda figlia, Mary. Tra il 1976 e il 1978 Orkin insegnò a New York nella School of Visual Arts e nel 1980 all’International Center of Photography.

Ruth Orkin morì nel 1985 nello stesso appartamento dove viveva con Morris Engel e da dove aveva scattato molte fotografie.

Per tutte le immagini © Ruth Orkin Photo Archive.