Roberto Spampinato

Back

Note biografiche

Roberto Spampinato nasce a Milano nel 1924. Inizia a fotografare nel 1950 con un preciso gusto per la fotografia “istantaneista” di matrice bressoniana, sintesi di forma e contenuto. Il suo nome è legato all’attività della Ferrania, la più importante azienda italiana di materiale fotografico, acquisita nel 1964 dalla 3M e in cui ricopre diversi incarichi tra il 1940 e il 1975. Nel 1953 viaggia con tre amici alla volta di Parigi, dove realizza alcune immagini che decide d’inviare al giornale Il Mondo. L’allora direttore Mario Panunzio ne tratterrà ventisette per pubblicarle in diverse occasioni. È l’inizio di una lunga e duratura collaborazione. Roberto Spampinato, con la riservatezza e sobrietà che lo contraddistinguono, frequenta l’ambiente amatoriale e prosegue la sua attività con passione, pur tenendosi a distanza dalle accese diatribe dei circoli fotografici dell’epoca. Pubblica sue fotografie e articoli sulla rivista specializzata Ferrania. Partecipa a concorsi fotografici in Italia e all’estero ricevendo numerosi riconoscimenti.

Una selezione di sue fotografie è inserita nell’esposizione con itineranza internazionale e nel libro NeoRealismo. La nuova immagine in Italia 1932-1960, pubblicato nelle edizioni italiana (Admira Edizioni, 2006), spagnola (La Fábrica Editorial, 2007), tedesca (Christoph Merian Verlag / Fotomuseum Winterthur, 2007) e inglese (DelMonico Books•Prestel / Admira Edizioni, 2018).

Sue opere sono incluse nelle collezioni di musei internazionali come il Metropolitan Museum of Art di New York, il Museum of Fine Arts di Houston, la National Gallery of Canada, il Musée Carnavalet di Parigi e in numerose collezioni private.

Tutte le immagini © Roberto Spampinato.