Mario Ingrosso

Back

Note biografiche

Nato ad Asti, in Piemonte, nel 1935, si trasferisce a Milano, dove già da ragazzo inizia a fotografare. Subito si inserisce nell’ambiente amatoriale, partecipando a innumerevoli mostre e concorsi in cui ottiene diversi riconoscimenti. Negli anni ‘50 compie una serie di viaggi nel Sud Italia per raccontare il mondo contadino con ritratti, paesaggi e scene di vita quotidiana in cui coniuga istanza realista e linguaggio formale. Membro della Federazione Italiana Associazioni Fotografiche (FIAF), espone i suoi bianconeri in numerose città italiane, a Bruxelles e a Berlino. Negli anni, Mario Ingrosso collabora con diverse testate quali Touring Club Italia e Bell’Italia; pubblica i suoi portfolio su riviste specializzate come Pentax Family e Tutti Fotografi.

Nel 1964 la Federazione Italiana Associazioni Fotografiche gli conferisce la nomina internazionale di AFIAP. Nel 2012, sempre la FIAF gli assegna il titolo di IFI.

Una selezione di sue fotografie è inserita nell’esposizione con itineranza internazionale e nel libro NeoRealismo. La nuova immagine in Italia 1932-1960, pubblicato nelle edizioni italiana (Admira Edizioni, 2006), spagnola (La Fábrica Editorial, 2007), tedesca (Christoph Merian Verlag / Fotomuseum Winterthur, 2007) e inglese (DelMonico Books•Prestel / Admira Edizioni, 2018).

Sue opere sono conservate in collezioni private e pubbliche, tra cui quelle del Centro della fotografia d’autore della FIAF di Bibbiena, il Museum of Fine Arts di Houston e il Metropolitan Museum of Art di New York.

Tutte le immagini © Mario Ingrosso.